Se non si va dal dentista...

A volte capita di dimenticarsi di fare visite di routine perché non vi sono „campanelli d’allarme...” E cosa succederebbe, se non si va dal dentista? La storia di Elisa, una nostra coordinatrice dei pazienti 

Elisa Micheli

Molto spesso ci si trova in situazioni spiacevoli per mancata visita dal dentista. Personalmente, l’ultima volta che andai dal dentista risale a più di quattro anni fa, posso dirmi fortunata perché non ho mai avuto mali dentali… mai fino a qualche mese fa purtroppo.
Bene, tutto successe con la velocità di un fulmine, già, come il dolore che sentì nella parte superiore, sinistra della mia bocca, cosa poteva essere? Già mi immaginavo l’orrore di una terapia del dotto radicolare o peggio un’estrazione. Lavorando per l’ufficio di uno studio dentistico è facile immaginarsi le cose peggiori sentendo i casi dei pazienti, vedendo le foto, le lastre.
Io pensai al peggio… ma come al solito non vi è da preoccuparsi troppo in anticipo, le carie sono piccoli mali curabili, ma certo un po’ mi ha fatto male il cuore e le tasche, ma si sa per il bene personale si fa questo ed altro. Fortunatamente lavorando per lo studio dentale sono riuscita a pensare a mente lucida ed a farmi un’autodiagnosi in breve. 

Mal di denti — che significa?

Per cui come capire se il nostro dente è ancora vivo e semplicemente curabile con un’otturazione o se ha bisogno di un intervento più drastico? 
Beh semplice, ciò si misura dal grado di dolore e fastidio personale giornaliero, ecco prendiamo appunti:
Grado 1. 
Dente che duole in maniera secca, come se vi fosse una puntina all’interno, è il sintomo di una carie, niente di irrisolvibile con otturazioni e con una pulizia costante il dente è mantenibile.
Grado 2. 
Quando è un dolore pulsante, persistente spesso in concomitanza vi è un’infezione, gonfiore, in questo caso, beh mi spiace dirlo ma molto probabilmente il dente sta morendo, questi sono chiari segnali di una radice infetta, l’unica soluzione è la rimozione d’essa, la pulizia medica e l’otturazione permanente del tutto. Molte persone dicono, ma se torna l’infezione? Se non è chiuso come si deve? Per queste domande non vi è risposta concreta, ovvero tutto può essere come non essere, il mantenimento di un dente devitalizzato dipende dalla condizione fisiologica del paziente, dalla sua salute, è tutta Genetica. 
La cura più grande è una sola: Il non disperarsi e mantenere la calma e pensare, poteva andare peggio.

Se si ha delle carie...

Se si ha la certezza di avere una carie l’unica possibilità è di agire tempestivamente, si sa che una piccola carie, purtroppo più evolversi in qualcosa di molto peggio come ad esempio una cura del canale radicolare oppure un tiraggio del dente che può essere un risvolto poco piacevole sia su base estetica, funzionale che finanziaria.
Quindi bisogna accorrere dal dentista il prima possibile, racconto brevemente la storia della mia prima „visita seria” dal dentista.

La mia visita dal dentista

Come preambolo posso comunicare che non ho mai avuto paura di dentisti e medici di alcun genere, sono stata sempre capace di mantenere la calma durante ogni evenienza, sarà anche per il fatto che non mi sono mai incappata in problemi esponenzialmente gravi, massimo che ho avuto è stata un’appendicectomia e altre chirurgie e cure di piccola entità.
Ritornando dal dentista… Entrai in questa clinica moderna, fresca e profumata e mi sentì subito a mio agio, ovvio vi è differenza ad entrare in un luogo pulito, vivace e luminoso invece di uno buio dove ci si aspetta che il dottore sbuchi fuori da un angolo ombroso come nei film horror degli anni 60/70, le persone penso che spesso siano rimaste all’idea che i dentisti applichino metodi medievali e che usando una pinza ci tirino via i denti, beh forse questo metodo era utilizzato davvero nel Medioevo… fortunatamente in molti aspetti ci siamo evoluti ed umanizzati in meglio, in altri devo dire che dobbiamo ancora imparare molto, ma questo è un’altra storia…

Il procedimento

Mi sedetti, riempii il questionario, poco dopo mi sedetti nella sedia della dentista, una donna molto gentile che mi fece sdraiare comodamente, io lì già sentì un leggero formicolio nelle dita dei piedi, pensai, eccoci otturiamo finalmente questo dente! Vi sono cose che l’uomo non capisce, siamo tutti “costruiti” in maniera differente, beh io mi ritengo una persona un po’ fuori dal comune per vari aspetti, ho due origini nazionali, bilingue con un’innata pazienza e passione per la musica, se mi date una nota vi creerò una canzone.

Diagnosi

Ma ora parliamo dei miei denti, infatti, la dottoressa ha trovato una difficoltà immane a posizionare la lastra tra il miei due denti molari dicendomi che denti così non li aveva mai visti, non sapevo se sentirmi lusingata oppure lievemente sconcertata, comunque posso dire che i miei denti mi sono sempre piaciuti, soprattutto i miei canini che rimandano lievemente alla dentatura di una creatura mistica vampiresca. 

Modellare i denti?

Per cui la soluzione per permettere alla lastra di fare da contenitore per il materiale otturatore era solo una… modellare i miei due denti, anche quello sano… bene, in primo luogo l’idea di limare i miei denti non mi suonava molto simpatica ma alla fine mi sono resa conto che in altri modi non si poteva procedere con il trattamento, per cui decisi di sottopormi a ciò, anche perché nell’intento di posizionarmi la prima placca in plastica mi avevano ferito il lato della bocca (parlo al plurale dato che la dottoressa e l’assistente erano presenti nella sala con me).

L’ otturazione

Il procedimento era veloce, non sentivo dolore visto che avevo ricevuto una bella dose di anestetico a base di crema ed anche una bella iniezione, in primo luogo ero contro ciò, ma dopo 20 minuti di prove del posizionamento dissi: “datemi quell’anestetico!”. E cominciarono ed io vidi la polvere ossea volare attorno a me, sembrava così tanta, dopodiché mi dissero, “ma ancora un po’ bisogna toglierne” ed io allora ormai pensai tra me e me che alla fine non avrò più il dente, ma dopo la colatura dell’otturazione, sensazione piacevole, calda, il risultato era stupefacente, come se nulla fosse successo, mi limarono la cima del dente otturato per renderlo più funzionale e non sentire disagio e me ne andai.

 

Nostra offerta «Salviamo i salvabili»

Controllo dentale completo, igiene orale professionale e un controllo di emergenza gratuito! 

 L'offerta è valida fino al 31 luglio 2018.

Informazioni ulteriori