La detartrasi puo’ essere pericolosa?

Caro Dottore,

“sono una ragazza di 29 anni, e vorrei sapere quando e’ necessario sottoporsi a un trattamento di pulizia di igiene dentale per la rimozione del tartaro e della placca. I dentisti consigliano sempre di effettuare il trattamento a cadenza semestrale. Secondo Lei puo’ essere pericoloso per la salute?

La ringrazio per la Sua gentile risposta.

Cordiali saluti

Ildikó”

dental hygine

La rimozione del tartaro e’ indispensabile e necessaria appena si forma. Nei denti dei bambini di quattro o cinque anni, anche se raramente puo’ accumularsi il tartaro. L’accumulo di tartaro causa la periodontite, un’infezione dei tessuti parodontali, che puo’ essere prevenuta con l’ablazione del tartaro o detartrasi, necessaria a prescindere dall’eta’.

Il tartaro costituisce una zona di ritenzione della placca batterica, i depositi calcificati possono contenere dei prodotti tossici per i tessuti molli. Può essere sottogengivale, con un colore rossiccio per la presenza di piccole emorragie gengivale, e si deposita nelle profondità del solco gengivale, oppure sopragengivale  e, in questo caso, si forma in meno di due settimane.

Le gengive si infiammano a causa della periodontite, questo processo genera una risposta immunitaria che ha effetti negativi sui denti, che porta alla caduta, alla recessione gengivale e nei casi piu’ gravi alla necrosi della gengiva. Per prevenire questi problemi dentali e’ necessario effettuare la detartrasi ogni sei mesi. L’accumulo del tartaro varia da paziente a paziente, e il Suo dentista potra’ darle una stima.

La rimozione del tartaro avviene con gli ultrasuoni, la tecnica l’air brush, e il polish, metodi professionali molto moderni, che non danneggiano lo smalto, facendo saltare via il tartaro dalla superficie dei denti. Il trattamento detto “polish” consiste nella lucidatura delle superfici dentarie mediante pasta da profilassi.

Cordiali saluti

image: 1.

Invisalign® Full: sconto eccezionale, invece di £5000 ora a sole £3690!


L’offerta e’ valida fino al 31 Gennaio 2019, accettando il trattamento e depositando il 50%.

Ulteriori informazioni