Inserire gli impianti dentali

Un intervento di implantologia dentale consiste in un’operazione di chirurgia medica  di tipo invasiva che, nonostante questo, assicura una ottima riuscita dell’intervento in modo veloce e senza eccessivo dolore accusato dal paziente, specialmente se si tengono in considerazione altre forme di chirurgia odontostomatologica ossia di chirurgia orale.

Procedure tecniche di implantologia dentale: il prima

Il chirurgo odontostomatologico asporterá prima di tutto la gengiva, e pulirá la zona nella quale sará inserito l’impianto dentale. La trapanatura é effettuata con uno strumento odontoiatrico speciale, che puó essere regolato a seconda della giusta pressione necessaria per l’intervento, ed avviene sotto effetto dell’anestesia locale, che fará sentire al paziente semplicemente una leggera vibrazione.  L’impianto dentale al titanium é leggermente piú ampio rispetto all’apertura fatta dal trapano, questo spiega il motivo per il quale l’impianto dentale é assorbito meglio e piú velocemente dal tessuto osseo del paziente.  Dopo l’inserimento dell’impianto dentale , l’odontoiatra procede ad avvitare l’impianto nell’osso mandibolare, e per questa operazione é necessaria una sufficiente  e adeguata quantitá di materiale osseo, per non compromettere l’esito positivo dell’operazione chirurgica. Prima di sottoporsi ad un intevento di implantologia, il paziente che accuserá una scarsa quantita ossea riceverá dall’odontoiatra un trattamento specifico che mira alla rigenerazione del tessuto osseo.

oral-chirurgia

Procedure tecniche di implantologia dentale: il dopo

Il tempo impiegato per l’intervento di implantologia dipende da numerosi fattori e circostanze che l’odontoiatra dovrá affrontare a seconda dei casi clinici, e dal numero degli impianti da inserire nel cavo orale del paziente. Qualche volta per l’intervento chirurgico sono necessari  solamente  dieci minuti, altre volte un’ora e anche di piú. Dopo che l’impianto dentale é stato inserito, alla gengiva sará effettuata una sutura chirurgica per favorire la cicatrizzazione al di sopra dell’impianto. Potrebbe verificarsi un rigonfiamento dell’area dell’intervento, che dovrebbe diminuire entro due oppure tre giorni, e il paziente non dovrebbe provare dolore dopo che il gonfiore sará stato eliminato. Una settimana dopo l’operazione chirurgica saranno rimossi i punti di sutura, e al paziente potrebbe essere inserita una corona dentale provvisoria. Durante i mesi successivi all’intervento, l’osso inizierá a crescere sulla zona dell’impianto dentale, e una volta che questo processo sará terminato, il paziente potrá prenotare un nuovo appuntamento per completare il trattamento. All’interno dell’impianto é stata avvitata una vite di guarigione (vite tappo) che serve da guida alla gengiva per la rimarginazione dei tessuti molli. La vite di guarigione sporge dalla gengiva e guiderá la ricrescita della gengiva. Dopo di che, attesi i normali tempi per la osteointegrazione dell’impianto, questa vite di guarigione sará svitata, e sará presa l’impronta della posizione dell’impianto dentale e costruita la relativa sovrastruttura e corona.

image: 1.

Una consulenza ortodontica estesa a soli 85 GBP

L'offerta é ancora valida.

 
Informazioni ulteriori