Cosa ti puoi aspettare da un’estrazione del dente del giudizio

I dentisti detestano estrarre i denti, visto che il loro lavoro è il preservare questi ultimi per più tempo possibile, ma alcune condizioni rendono il processo inevitabile. L’estrazione del dente del giudizio è spesso necessaria più che degli altri denti.

dente del giudizio

Un dente del giudizio impattato, infetto, un dente del giudizio che ha maniera di crescita irregolari – tutti sono i più propensi a carie ricorrenti ed abitualmente sono estratti anche per il motivo che non affliggono l’alveolo tanto quanto gli altri denti, tuttavia sono un vero rischio per la tua salute. In questi casi, i denti del giudizio devono essere estratti, e molto frequentemente essi sono rimossi chirurgicamente. Le estrazione chirurgiche dei denti del giudizio sono molto communi, e non sono spaventose come sembrano. Quì ci sarà elencata la lista di ciò che puoi aspettarti, passo dopo passo.

Consultazione

Il primo passo di ogni procedura dentale, specialmente quello che include una chirurgia orale, è la consultazione. Durante la sessione di consultazione è creata una diagnosi riguardo la propria condizione orale, dei raggi panoramici sono effettuati. Questi sono richiesti perchè molto spesso i denti del giudizio hanno una superficie e radici che crescono irregolarmante, ciò significa che il dentista deve sapere entro un breve tempo, prima che l’estrazione abbia luogo, cosa si cela sotto la linea della gengiva, ciò serve per appurare che nervi ed altri denti non siano danneggiati.

Trattamenti preliminari

I siti dell’estrazione hanno un’elevata percentualità di divenire infetti, ovvero essere colonizzati da colonie di batteri. Per prevenire che tale danno avvenga, alcuni trattamenti preliminari potrebbero essere necessari prima della rimozione dei denti del giudizio, tali processi sono otturazioni, devitalizzazioni, rimozione della placca o igiene orale.

L’estrazione è SEMPRE anteceduta da una consultazione durante la quale dei raggi-x sono fatti ed analizzati, in tale modo la migliore opzione è idealizzata e solamente dopo attuata.

L’estrazione

La procedura dell’estrazione del dente del giudizio, è molto spesso una sola visita, anche se vi sono complicazioni non dovrebbe richiedere più di 90 minuti, ma usualmente è portata a termine in 30 minuti.

Molto spesso, per le estrazione chirurgiche del dente del giudizio, si impiega un pò più di tempo. La procedura è portata a termine sotto anestesia locale, ed è assolutamente svincolato da ogni dolore, ma probabilmente si potrebbe udire qualche rumore disturbante e ci potrebbe anche essere un pò di sangue presente.  Questi non devono essere temuti visto che fanno parte del processo.

Post-cura ed il coagulo di sangue

La parte più importante della procedura succede dopo che l’estrazione è terminata. È di vitale importanza che si seguano alla lettera tutte le istruzioni post-operatorie che sono state conferite dal dentista subito dopo l’estrazione. Queste non sono gentili consigli da seguire, essi sono termini obbligatori che devono essere obbediti, o si rischia una grave infezione, un’alveolite post-estrazione, due delle esperienze più dolorose che si posssano avere. Dopo che un dente è estratto un coagulo di sangue si formerà sopra il sito trattato. È di vitale importanza che questo coagulo non venga rimosso o dislocato in nessun modo, in maniera differente il sito non riuscirà a rimarginarsi diventando soggetto a secchezze oppure ad infezioni.

Non succhiare l’area, risciaqua solamente con acqua tiepida, molto gentilmente, e non mangiare cibo per le 24 ore conseguenti all’estrazione, solo cibi liquidi. NO fumo ed alcool per almeno 48 ore dopo l’avvenuta estrazione. Per una lista completa di cosa da ”fare e non fare”, chiedere al dentista instruzioni post-curative.

 

Nostra offerta attuale dell'estrazione di dente del giudizio

Controllo dentale completo, igiene orale professionale e un controllo di emergenza gratuito! 

L'offerta è valida fino al 30 settembre 2018.

Ulteriori informazioni